Tensione nella coppia: conviene separarsi o restare per i figli? Gli psicologi sono chiari!

Pubblicato su
di Emma Gallo

Tensioni e conflitti sono inevitabili all’interno di a coppia coniugale, ma quando diventano troppo frequenti, è legittimo chiedersi se per i figli sia meglio separarsi o stare insieme. Inoltre, molti psichiatri danno il loro punto di vista su questo delicato argomento.

L’impatto dei conflitti genitoriali sui figli

Prima di affrontare la questione della scelta da compiere come coppia genitoriale, è opportuno guardare all’influenza che i nostri conflitti hanno sui figli. Numerosi studi hanno dimostrato che un clima familiare teso, caratterizzato da continui litigi, può avere ripercussioni negative sullo sviluppo emotivo e psicologico dei bambini:

  • Ansia e stress cronico
  • Problemi di sonno
  • Calo del rendimento scolastico
  • Difficoltà relazionali con i propri coetanei
  • Tendenza a riprodurre comportamenti contrastanti osservati nei genitori
Leggi anche :  I 7 comportamenti che tradiscono una personalità intimidatoria senza saperlo

È quindi fondamentale essere consapevoli del clima familiare e del suo impatto sui figli prima di decidere se restare insieme o separarsi.

Stare insieme per proteggere i bambini

Gli argomenti a favore del mantenimento della coppia

Per alcuni psicologi, restare insieme per proteggere i figli dalle conseguenze di una rottura può essere un’opzione valida, a condizione che vengano messe in atto strategie per preservare il loro benessere:

  • Imparare a gestire e risolvere i conflitti in modo costruttivo
  • Stabilisci un dialogo aperto e onesto con il tuo partner
  • Cercare il supporto di un professionista (psicologo, terapista di coppia)
  • Sviluppare una solidarietà genitoriale positiva, anche in caso di disaccordi su questioni non legate ai bambini

Stare insieme per i figli non è quindi necessariamente dannoso per loro, a condizione che i genitori riescano a mantenere una relazione sana e stabile.

I rischi legati alla scelta di stare insieme

Tuttavia, se la decisione di restare insieme viene presa esclusivamente nell’interesse dei figli e non nel tentativo di risolvere veramente le difficoltà della coppia, ciò può causare altri problemi:

  • Creazione di un clima familiare teso e ansiogeno
  • Sensazione di insoddisfazione personale e coniugale che può portare a disturbi dell’umore, fino alla depressione
  • Perdita di autostima
  • Rischio di ulteriori tensioni tra i membri della coppia
Leggi anche :  I 7 comportamenti che tradiscono una personalità intimidatoria senza saperlo

È quindi importante valutare i pro e i contro prima di scegliere di stare insieme solo per i figli.

Separarsi per allentare le tensioni familiari

I potenziali benefici di una rottura

Per altri psichiatri e professionisti della salute mentale, la separazione può essere la soluzione migliore quando i conflitti tra i genitori diventano eccessivi. Infatti, una separazione o un divorzio possono consentire:

  • Per porre fine ad un clima familiare conflittuale e teso
  • Preservare il benessere dei bambini offrendo loro un ambiente più sereno e armonioso, con genitori meno stressati e più soddisfatti
  • Per consentire ai partner di concentrarsi nuovamente sul proprio sviluppo personale ed emotivo
  • Per mostrare ai bambini che a volte è necessario prendere decisioni difficili per proteggere la loro felicità e quella degli altri

Una separazione riuscita, tuttavia, dipende da una buona comunicazione tra i genitori, che devono imparare a collaborare in modo efficace e rispettoso.

Leggi anche :  Gli 8 segni innegabili che indicano una maggiore maturità emotiva

Le sfide della separazione e della co-genitorialità

Tuttavia, la separazione e la co-genitorialità possono presentare alcune sfide per gli ex coniugi e i loro figli:

  1. Adattamento ad una nuova organizzazione familiare (affidamento congiunto, diritto di visita, ecc.)
  2. Gestire le emozioni e il senso di fallimento associato alla rottura
  3. Accettazione della nuova situazione da parte dei bambini
  4. Possibilità di persistenti conflitti legati all’educazione dei figli (conflitti di lealtà, disaccordi sulle scelte educative, ecc.)

È quindi fondamentale essere ben accompagnati e supportati durante questo periodo di transizione per gestire al meglio queste difficoltà.

Dovremmo separarci o restare insieme? La chiave è nell’equilibrio.

La decisione di separarsi o di restare insieme per i figli dipende soprattutto dal contesto familiare e dal livello di tensione all’interno della coppia. Gli esperti sono generalmente concordi nel ritenere fondamentale preservare un ambiente stabile e armonioso per i figli, sia risolvendo i problemi della coppia, sia optando per una separazione ben orchestrata e rispettosa. Scegliere il percorso migliore per i bambini implica trovare l’equilibrio tra le loro esigenze e quelle dei genitori, prestando sempre particolare attenzione al loro benessere emotivo e psicologico.

Foto dell'autore
Informazioni sull'autore, Emma Gallo
Emma è un'autrice che unisce la sua passione per l'astrologia con la ricerca di astuzie pratiche nella vita quotidiana. Con uno stile narrativo che intreccia misticismo e realtà, Emma guida i suoi lettori attraverso un viaggio di scoperta personale, offrendo consigli astrologici e trucchi utili. La sua abilità nel collegare gli eventi astrali con consigli pragmatici fa di lei una voce unica nel suo campo, ispirando e illuminando chi cerca di navigare la vita con una maggiore consapevolezza.
Wellteca » Psicologia » Tensione nella coppia: conviene separarsi o restare per i figli? Gli psicologi sono chiari!