Sonno di qualità: il miele è davvero in grado di facilitare l’addormentamento?

Pubblicato su
di Emma Gallo

Il dolce segreto del sonno notturno: scopri come il miele può aiutarti ad addormentarti facilmente e goderti un riposo di qualità.

Hai difficoltà ad addormentarti o a goderti un riposo notturno riposante? Il miele potrebbe essere proprio la soluzione ai tuoi problemi. Questo alimento naturale possiede infatti proprietà benefiche che favoriscono l’addormentamento e migliorano la qualità del sonno. In questo articolo esploreremo i diversi modi in cui il miele influisce sul nostro corpo e sui ritmi del sonno e vedremo se queste affermazioni sono supportate da studi scientifici.

Informazioni generali sul miele

Prima di capire perché il miele è legato al sonno, è importante conoscere le caratteristiche di questo prodotto dell’apicoltura e le sue qualità nutrizionali. Il miele si ottiene dal nettare dei fiori raccolti dalle api. È composto principalmente da carboidrati (fruttosio e glucosio) e contiene anche minerali, vitamine, enzimi e antiossidanti.

Leggi anche :  10 alimenti ricchi di vitamina A per fare scorta di antiossidanti

Nutrienti essenziali presenti nel miele

Il miele è noto per il suo alto contenuto di nutrienti essenziali, tra cui:

  • Potassiola cui carenza può causare disturbi del sonno;
  • Magnesioche aiuta il rilassamento muscolare e nervoso;
  • Niacinamide (vitamina B3), che regola il ciclo sonno-veglia;
  • Vitamina B6essenziale per il metabolismo della melatonina;
  • Triptofano, un aminoacido precursore della melatonina, l’ormone del sonno.

Benefici del miele per aiutarti ad addormentarti

Nel resto di questo articolo esploreremo come i nutrienti presenti nel miele possono aiutarti a migliorare il tuo sonno:

Promuovere la produzione di melatonina

La melatonina è un ormone prodotto dall’organismo per regolare il nostro orologio biologico. Interviene per regolare i nostri cicli di sonno e veglia, nonché per anticipare l’arrivo della notte e favorire l’addormentamento. Il miele aiuta la sintesi e il rilascio della melatonina, grazie alla sua ricchezza di triptofano e vitamine del gruppo B, nonché alla sua azione sull’insulina.

Quando si consuma miele prima di dormire, i livelli di zucchero nel sangue aumentano leggermente, provocando il rilascio di insulina. Quest’ultimo stimola la produzione di triptofano e la sua conversione in serotonina e poi melatonina.

Leggi anche :  Ecco 4 consigli della nonna per combattere efficacemente le smagliature

Aiuta con il rilassamento

Il miele contiene anche potassio e magnesio, due minerali noti per la loro azione rilassante sui muscoli e sul sistema nervoso. Aiutano a ridurre la tensione muscolare e ci aiutano a rilassarci in preparazione ad un buon sonno notturno.

Garantire livelli di zucchero nel sangue stabili durante la notte

Uno dei motivi per cui alcune persone si svegliano nel cuore della notte è perché i livelli di zucchero nel sangue diminuiscono (ipoglicemia). Consumando miele prima di dormire, ti assicuri un apporto di carboidrati che permetterà al tuo corpo di mantenere un livello di zucchero nel sangue stabile durante la notte.

Esistono prove scientifiche?

Anche se i meccanismi d’azione del miele sull’addormentamento e sulla qualità del sonno sembrano logici dal punto di vista nutrizionale, è importante mettere in dubbio la presenza di studi scientifici che confermino questi benefici. Sebbene la ricerca sia ancora limitata, alcuni lavori hanno studiato gli effetti del miele sul sonno:

Miele e insonnia nei bambini

Nel 2012, uno studio pubblicato sulla rivista “Pediatrics” ha dimostrato che dare un cucchiaino di miele ai bambini che soffrono di tosse notturna ha migliorato significativamente il loro sonno. Questo miglioramento è stato maggiore di quello ottenuto con il destrometorfano, un medicinale contro la tosse.

Leggi anche :  10 alimenti ricchi di vitamina A per fare scorta di antiossidanti

Miele e qualità del sonno negli adulti

In uno studio pilota pubblicato nel 2019 su “Frontiers in Nutrition”, i ricercatori hanno dimostrato che l’assunzione quotidiana di miele può migliorare la qualità del sonno negli adulti. Lo studio ha seguito 60 partecipanti che consumavano miele per un periodo di due settimane. I risultati hanno dimostrato una riduzione del tempo di veglia dopo essersi addormentati e un aumento del tempo di sonno totale.

Tuttavia, questi studi sono ancora limitati e sono necessarie ulteriori ricerche per confermare se il miele è veramente efficace nel facilitare l’addormentamento e nel migliorare la qualità del sonno in tutti gli individui con disturbi del sonno.

Come consumare il miele per favorire il sonno?

Se vuoi provare il miele per migliorare il tuo sonno, ecco alcune idee:

  • Miele puro: Prendi un cucchiaino di miele direttamente prima di andare a letto;
  • Tisana al miele: Aggiungi un cucchiaino di miele a un infuso rilassante come camomilla o verbena;
  • Latte caldo con miele: Mescolare un cucchiaino di miele in un bicchiere di latte tiepido.

È importante però notare che il miele è ricco di zuccheri e va quindi consumato con moderazione, soprattutto in caso di diabete o sovrappeso.

Foto dell'autore
Informazioni sull'autore, Emma Gallo
Emma è un'autrice che unisce la sua passione per l'astrologia con la ricerca di astuzie pratiche nella vita quotidiana. Con uno stile narrativo che intreccia misticismo e realtà, Emma guida i suoi lettori attraverso un viaggio di scoperta personale, offrendo consigli astrologici e trucchi utili. La sua abilità nel collegare gli eventi astrali con consigli pragmatici fa di lei una voce unica nel suo campo, ispirando e illuminando chi cerca di navigare la vita con una maggiore consapevolezza.
Wellteca » Sport e benessere » Sonno di qualità: il miele è davvero in grado di facilitare l’addormentamento?