Pulizia con aceto bianco: sì, ma non su queste superfici delicate!

Pubblicato su
di Emma Gallo

IL aceto bianco è un prodotto naturale molto efficace per pulire molte superfici della casa. È economico, ecologico e ha proprietà antimicrobiche. Tuttavia, ci sono alcune superfici su cui non dovrebbe essere utilizzato a causa della sua acidità. In questo articolo, faremo a panoramica qualche problema tipi di superficie da evitare quando si utilizza aceto bianco per scopi domestici.

Superfici sensibili all’aceto bianco

Il problema principale con l’utilizzo dell’aceto bianco per la pulizia è il suo acidità. Alcuni materiali, infatti, possono essere danneggiati dall’acido acetico presente nell’aceto. Ecco i tipi di superfici su cui dovresti evitare di utilizzare questo prodotto:

  1. Marmo: Il marmo è una roccia metamorfica composta principalmente da calcite. L’acidità dell’aceto bianco può causare lo scioglimento del calcare, che può causare macchie e graffi sulla superficie.
  2. Roccia : In generale, è sconsigliato l’uso dell’aceto bianco su superfici in pietra naturale come granito, pietra calcarea o pietra blu. L’acido acetico può reagire con i minerali presenti in questi materiali e causare scolorimento o deterioramento.
  3. Cemento: Il cemento è anche sensibile all’acidità dell’aceto bianco. Può indebolire la struttura del materiale e favorire la formazione di fessurazioni. Da evitare in particolare su fughe di piastrelle o superfici in cemento lucidato.
  4. Pentole in rame: L’aceto bianco può reagire con il rame e causare un’ossidazione accelerata, che può danneggiare permanentemente le pentole in rame.
  5. Elettrodomestici: Alcuni elettrodomestici possono essere danneggiati dall’acidità dell’aceto bianco, soprattutto quelli dotati di touch screen o parti in plastica. È meglio fare riferimento alle istruzioni fornite dal produttore per conoscere i prodotti consigliati per la loro manutenzione.
Leggi anche :  Cattivo odore nel WC: l'insolito consiglio visto su TikTok per farlo profumare

I diversi usi dell’aceto bianco per la pulizia

Sebbene non sia adatto a tutte le superfici, il aceto bianco rimane un ottimo prodotto detergente per molteplici applicazioni:

  • Disincrostazione rubinetti e soffioni doccia
  • Fai brillare finestre e specchi
  • Pulizia delle superfici in acciaio inox
  • Deodora e igienizza le tubazioni
  • Ravvivare i colori dei tessuti
  • Elimina le tracce di calcare dalle piastrelle ceramiche

Per utilizzare l’aceto bianco come detergente, diluiscilo con acqua tiepida in un flacone spray. Spruzzare la soluzione sulla superficie da pulire, lasciare agire qualche minuto quindi passare con un panno pulito e morbido per evitare graffi.

Alternative all’aceto bianco per superfici sensibili

Quando l’aceto bianco non è adatto ad una determinata superficie è possibile ricorrere ad altri prodotti naturali meno aggressivi:

  • Bicarbonato di sodio : Il bicarbonato è particolarmente indicato per la pulizia di superfici in pietra naturale o cemento. Permette di decalcificare senza rischiare di danneggiare i materiali, a differenza dell’aceto bianco.
  • Sapone nero: Questo prodotto ecologico può essere utilizzato per pulire tutti i tipi di superfici, comprese quelle sensibili all’acidità dell’aceto bianco. Usalo puro per affrontare le macchie ostinate o diluito per una manutenzione regolare.
  • Aceto di alcol: Meno acido dell’aceto bianco, l’aceto di alcol è adatto alle superfici delicate come il marmo o alcuni elettrodomestici. Assicurati comunque di testare sempre la reazione del materiale su un’area piccola e poco visibile prima di pulire l’intera superficie.
Leggi anche :  Cattivo odore nel WC: l'insolito consiglio visto su TikTok per farlo profumare

Come scegliere tra aceto bianco e aceto di alcol?

L’aceto bianco è più acido dell’aceto spiritoso, con a 8% di acidità rispetto al 5% circa per il secondo. Questa differenza può avere un impatto sui materiali sensibili, quindi è meglio conoscere le specifiche di ciascun tipo di superficie prima di scegliere un prodotto.

Manutenzione delle superfici dei pavimenti con aceto bianco

L’aceto bianco può essere utilizzato per pulire i pavimenti piastrellati o in linoleum, purché non lo contenga materiali sensibili come quelli citati in precedenza. Per fare questo, aggiungi qualche cucchiaio di aceto bianco in una bacinella di acqua calda e strofina le superfici del pavimento con uno spazzolone.
Ti permetterà inoltre di sgrassare ed eliminare lo sporco derivante dal lavoro, pur essendo un prodotto ecologico.
Se ti trovi di fronte a vetri molto sporchi o molto sporchi, può essere utile passare a una pulizia più intensiva optando per l’aceto bianco a 14°.

Leggi anche :  Cattivo odore nel WC: l'insolito consiglio visto su TikTok per farlo profumare

Foto dell'autore
Informazioni sull'autore, Emma Gallo
Emma è un'autrice che unisce la sua passione per l'astrologia con la ricerca di astuzie pratiche nella vita quotidiana. Con uno stile narrativo che intreccia misticismo e realtà, Emma guida i suoi lettori attraverso un viaggio di scoperta personale, offrendo consigli astrologici e trucchi utili. La sua abilità nel collegare gli eventi astrali con consigli pragmatici fa di lei una voce unica nel suo campo, ispirando e illuminando chi cerca di navigare la vita con una maggiore consapevolezza.
Wellteca » Casa e giardino » Pulizia con aceto bianco: sì, ma non su queste superfici delicate!