3 atteggiamenti tipici degli adulti che non hanno imparato ad esprimere le proprie emozioni da bambini

Pubblicato su
di Emma Gallo

Dalla reclusione emotiva all'esplosione interiore: i 3 atteggiamenti che impediscono agli adulti di comunicare le proprie emozioni, un riflesso dell'infanzia dimenticata.

Tutti abbiamo incontrato adulti che hanno difficoltà ad esprimere le proprie emozioni, preferendo tenere tutto per sé anche se ciò significa soffrire in silenzio. Molto spesso, questa incapacità è il risultato di un’infanzia in cui non hanno imparato ad esprimere ciò che provavano, e questo mancato apprendimento ha un impatto sulla loro vita quotidiana. Questo articolo presenta 3 degli atteggiamenti più comuni in questi individui si trovano ad affrontare la sfida di gestire le proprie emozioni.

L’accumulo emotivo

Quando non sappiamo come esprimere le nostre emozioni, tendiamo ad accumularle fino a traboccare la tazza. L’espressione popolare “avere una pentola sul culo” illustra perfettamente questo atteggiamento: ci portiamo dietro tutte queste emozioni irrisolte, come un peso di cui non riusciamo a liberarci. Questo peso può avere un effetto distruttivo sulla salute mentale e fisica se non affrontato adeguatamente.

Leggi anche :  Gli 8 segni innegabili che indicano una maggiore maturità emotiva

Gestire la rabbia senza esplodere

La rabbia può essere un’emozione difficile da domare, soprattutto se non abbiamo imparato ad affrontarla fin dall’infanzia. Le persone affette generalmente cercano di evitare il conflitto e preferiscono contenere la propria frustrazione interiore piuttosto che affrontarla. Ma quando viene superata la soglia di tolleranza, non è raro che questi adulti finiscano per esplodere e sfogare la loro rabbia su chi li circonda.

Il peso dei rimpianti e dei sensi di colpa

Quando le emozioni non vengono espresse al momento giusto, possono accumularsi fino a generare sensi di colpa. Le persone interessate si chiedono quindi cosa avrebbero potuto fare di diverso e ripercorrono costantemente gli errori del passato. Questa ruminazione mentale crea un ciclo autodistruttivo da cui è difficile uscire.

La fuga delle emozioni dolorose

Per evitare di provare emozioni spiacevoli o dolorose, alcune persone cercheranno di sfuggire alla situazione che le provoca. Questo atteggiamento implica l’utilizzo di meccanismi di evitamento per proteggersi dal disagio emotivo.

Leggi anche :  I 7 comportamenti che tradiscono una personalità intimidatoria senza saperlo

Negazione delle emozioni

La negazione è una strategia di difesa comune tra coloro che non sanno gestire le proprie emozioni. Ciò può includere minimizzare l’importanza di un problema (“non è così grave”), agire come se nulla fosse accaduto o concentrarsi solo sugli aspetti positivi del problema, ignorando i lati più oscuri.

Ricerca costante di distrazioni

La costante ricerca di distrazioni (richieste esterne, nuove attività, consumo eccessivo di intrattenimento, ecc.) consente a queste persone di evitare di affrontare le proprie emozioni, oscurandole con una fonte di attenzione più piacevole. Questa fuga nell’azione o nella negazione può essere efficace a breve termine, ma non è sufficiente per risolvere i problemi emotivi lasciati da parte.

Evitare relazioni intime e vulnerabili

Gli individui che hanno difficoltà ad esprimere le proprie emozioni possono inconsciamente prendere la decisione di evitare relazioni profonde o intime, temendo che queste mettano a nudo la loro fragilità emotiva.

Leggi anche :  Gli 8 segni innegabili che indicano una maggiore maturità emotiva

Paura dell’intimità emotiva

Temendo di essere fraintesi o giudicati, alcuni adulti preferiscono tenere per sé i propri segreti, ostacolando così ogni possibilità di formare legami sinceri con chi li circonda. Questa strategia protettiva impedisce loro anche di ricevere il sostegno di cui hanno bisogno per uscire dal guscio.

L’uso di relazioni superficiali

Per compensare questa mancanza di intimità emotiva, non è raro che queste persone sviluppino una rete sociale estesa ma non coinvolta. Le relazioni sono quindi limitate alle interazioni cordiali e politiche, dove ognuno indossa una maschera per nascondere le proprie vere emozioni e pensieri.

È fondamentale ricordarlo apprendere il linguaggio emozionale è una competenza che si costruisce fin da piccoli, e che gli atteggiamenti qui descritti sono espressione di una mancanza di educazione. Ma nulla è perduto: con un po’ di lavoro e comprensione, è possibile per tutti imparare ad esprimere le proprie emozioni e superare questi ostacoli che ci ostacolano nelle nostre relazioni quotidiane.

Foto dell'autore
Informazioni sull'autore, Emma Gallo
Emma è un'autrice che unisce la sua passione per l'astrologia con la ricerca di astuzie pratiche nella vita quotidiana. Con uno stile narrativo che intreccia misticismo e realtà, Emma guida i suoi lettori attraverso un viaggio di scoperta personale, offrendo consigli astrologici e trucchi utili. La sua abilità nel collegare gli eventi astrali con consigli pragmatici fa di lei una voce unica nel suo campo, ispirando e illuminando chi cerca di navigare la vita con una maggiore consapevolezza.
Wellteca » Psicologia » 3 atteggiamenti tipici degli adulti che non hanno imparato ad esprimere le proprie emozioni da bambini